Prima Pagina
Amministrazione Trasparente
P.A.I.
Direttiva Alluvioni
Piano Straordinario PS2006
Cartografia on-line CED Federati
Area riservata ai Comuni
Monitoraggio Interventi Difesa del Suolo
L.R. 22/2011 - Compatibilità e Invarianza Idraulica
La salvaguardia della costa
Tutela delle Acque - Risorse Idriche
Bacini Idrografici
Organi
Segreteria Tecnico-Operativa
Normative
Gestione Prelievi Idrici
News
Gemellaggio
 
Pagina di rilevanza storica e documentale.

Organi dell'Autorità di Bacino

 

 

Sono organi dell’Autorità di Bacino Regionale delle Marche:

 

a) Il Comitato Istituzionale

b) Il Comitato Tecnico

c) Il Segretario Generale

 

COMITATO ISTITUZIONALE

 

 

Compiti

Il Comitato Istituzionale svolge le seguenti attività:

-   definisce criteri, metodi, tempi e modalità per l'elaborazione del piano dei bacini di rilievo regionale, in conformità agli indirizzi di cui all'articolo 4 della legge 183/1989 eventualmente prevedendo articolazioni in piani riferiti a sub-bacini o ad ambiti omogenei comprendenti più bacini idrografici;

-   stabilisce i criteri e le direttive per l'organizzazione ed il funzionamento del servizio di polizia idraulica e di quello per la manutenzione delle opere, nonché per l'organizzazione del servizio di pronto intervento idraulico e dei servizi di piena;

-   adotta i piani di bacino e li trasmette per l'approvazione al Consiglio regionale;

-   approva i programmi triennali di intervento;

-   approva il bilancio idrico e le misure per la pianificazione dell'economia idrica, al fine di assicurare l'equilibrio fra le disponibilità della risorsa reperibile ed i fabbisogni per i diversi usi, nonché il minimo deflusso costante vitale ai sensi della legge 36/1994;

-   stabilisce i criteri e le direttive per il rilascio dei provvedimenti, di autorizzazioni e di concessioni in materia di conservazione e difesa del suolo, del territorio, di tutela ed uso delle acque nei bacini idrografici di rilievo regionale;

-   valuta le proposte formulate dal Comitato tecnico regionale per la difesa del suolo;

-   approva e trasmette al Consiglio regionale la relazione annuale sull'uso del suolo, sulle condizioni dell'assetto idrogeologico del territorio e sullo stato di attuazione del programma triennale in corso;

-   promuove forme di coordinamento e collaborazione tra i soggetti pubblici e privati operanti nelle materie di cui alla presente legge;

-   coordina le attività e le competenze tra le amministrazioni statali, regionali e degli enti locali;

-   predispone, per l'approvazione del Consiglio regionale in pendenza dell'approvazione dei piani di bacino di rilievo regionale, i relativi schemi previsionali e programmatici di cui all'articolo 31, comma 3, della legge 183/1989, su proposta del Comitato tecnico regionale per la difesa del suolo;

-   approva il programma degli interventi triennali di bonifica montana e quelli di bonifica integrate.

Le determinazioni del Comitato Istituzionale sono assunte a maggioranza dei presenti; in caso di parità dei voti prevale il voto del Presidente.

 

Composizione

Il Comitato Istituzionale è composto dalla Giunta Regionale integrata con i Presidenti delle Amministrazioni Provinciali ovvero con Assessori da questi delegati competenti in materia di difesa del suolo. Il Comitato Istituzionale è presieduto dal Presidente della Giunta Regionale o dall'Assessore Regionale da lui delegato. Alle sedute del Comitato Istituzionale partecipa il Segretario Generale dell'Autorità di Bacino con voto consultivo.

 

 

 

 

 

 


 

COMITATO TECNICO

 

 

Compiti

Il Comitato Tecnico dell'Autorità di Bacino è organo di consulenza tecnico-scientifica del Comitato Istituzionale e provvede alla predisposizione degli atti di competenza di questo, avvalendosi della Segreteria Tecnico-Operativa. Può altresì presentare proprie proposte al Comitato Istituzionale.
Il Comitato Tecnico, utilizzando la Segreteria Tecnico-Operativa, cura:
- la redazione della relazione annuale sull'uso del suolo, sulle condizioni dell'assetto idrogeologico del territorio e sullo stato di attuazione del programma triennale in corso;
- l'elaborazione e il coordinamento dei piani di bacino per ogni singolo bacino, i relativi programmi di intervento nonché i rispettivi successivi aggiornamenti e la verifica della loro attuazione;
- la predisposizione dei programmi triennali di intervento;
- assicura il coordinamento di tutti i piani di bacino;
- coordina, d'intesa con i servizi tecnici nazionali, l'attività della rete regionale di rilevamento dei dati geofisici ed ambientali.

 

Composizione

Comitato Tecnico dell'Autorità di Bacino è composto:

-   dai Dirigenti dei servizi lavori pubblici, tutela e risanamento ambientale, agricoltura, programmazione, urbanistica, artigianato e industria, protezione civile;

-   dal Direttore dell'ARPAM;

-   da tre funzionari dello Stato designati, rispettivamente, dal Ministero dei lavori pubblici, dal Ministero dell'ambiente e dal Ministero per le politiche agricole;

-    da due funzionari, competenti in materia, designati da ciascuna Provincia

 

Componenti

PRESIDENTE

Dott. Geol. Marcello Principi Segretario Generale

 

COMPONENTI

- Dirigente Servizio Lavori Pubblici della Regione Marche

- Dirigente Servizio Tutela e Risanamento Ambientale della Regione Marche

- Dirigente Servizio Agricoltura della Regione Marche

- Dirigente Servizio Programmazione della Regione Marche

- Dirigente Servizio Urbanistica della Regione Marche

- Dirigente Servizio Artigianato e Industria della Regione Marche

- Dirigente Servizio Protezione Civile della Regione Marche

- Direttore Generale dell’ARPAM

- Provveditore alle Opere Pubbliche per le Marche

- Funzionario del Ministero dell’Ambiente

- Funzionario del Ministero delle Politiche Agricole

- Due Funzionari della Provincia di Pesaro ed Urbino

- Due Funzionari della Provincia di Macerata

- Due Funzionari della Provincia di Ascoli Piceno

- Due Funzionari della Provincia di Ancona

 

SEGRETERIA DEL COMITATO TECNICO

Dott. Geol. Gloria Anna Sordoni Segreteria Tecnica Autorità di Bacino Regionale

 

 

 

 

 


 

 

SEGRETARIO GENERALE

 

 

Compiti

-   presiede il Comitato Tecnico e dirige la Segreteria Tecnico-Operativa;

-   provvede agli adempimenti necessari al funzionamento dell'Autorità di Bacino;

-   assicura il raccordo fra Comitato Istituzionale e Comitato Tecnico dell'Autorità;

-   cura l'istruttoria degli atti di competenza del Comitato Istituzionale e del Comitato Tecnico, ai quali formula proposte, e provvede all'attuazione delle loro deliberazioni;

-   cura i rapporti, ai fini del coordinamento delle rispettive attività, con le amministrazioni statali, regionali, degli enti locali e degli altri enti pubblici;

-   riferisce al Comitato Istituzionale sullo stato di attuazione dei piani di bacino per lo svolgimento delle necessarie verifiche ed in tale materia esercita i poteri che gli vengono delegati dal Comitato medesimo;

-   cura la raccolta dei dati relativi agli interventi programmati ed attuati, nonché alle risorse stanziate per le finalità dei piani di bacino da parte dello Stato, della Regione e degli enti locali.

 

Segretario Generale dell’Autorità di Bacino Regionale è il Dott. Geol. Marcello Principi