Prima Pagina
P.A.I.
Direttiva Alluvioni
Piano Straordinario PS2006
Cartografia on-line CED Federati
Area riservata ai Comuni
Monitoraggio Interventi Difesa del Suolo
L.R. 22/2011 - Compatibilità e Invarianza Idraulica
La salvaguardia della costa
Tutela delle Acque - Risorse Idriche
Bacini Idrografici
Organi
Segreteria Tecnico-Operativa
Normative
Gestione Prelievi Idrici
Link
FAQ
News
Gemellaggio
Per contattarci - PEC (Posta Elettronica Certificata)
Mappa del sito
 
News
29/06/2016 Modifica area a rischio idrogeologico F-02-0006
21/06/2016 Modifica area a rischio idrogeologico F-16-0243
20/06/2016 Adeguamento del PAI al PRG comunale di Matelica
15/06/2016 Inserimento nuova area a rischio idrogeologico F-05-4087
16/05/2016 Modifica aree a rischio idrogeologico F-14-0158, F-14-0189, F-14-0211, F-14-0162 ed inserimento nuove aree
10/05/2016 Modifica area a rischio idrogeologico F-09-0317
In evidenza
30/03/2016 Redazione dell'assetto di progetto, ai sensi dell'art. 6 delle N.A. del PAI, e degli elaborati progettuali del bacino idrografico della media e bassa valle del F. Misa. Adozione
vai al link

17/12/2015 I Comitati Istituzionali delle Autorità di bacino dell’Arno e del Tevere, integrati con le Regioni dei distretti dell’Appennino Settentrionale e Centrale, hanno adottato i Piano di Gestione del Rischio Alluvioni.
Nella pagina dedicata all'attuazione della direttiva alluvioni sono presenti i link ai siti delle Autorità di Bacino Nazionali/Distretti Idrografici

17/11/2015 Procedura per la presentazione delle richieste di finanziamento degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico
Si comunica che le richieste di finanziamento degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico saranno acquisite e valutate dal Ministero dell'Ambiente solo se inserite nel sistema ReNDiS – web (Repertorio Nazionale degli Interventi di Difesa del Suolo). La procedura prevede che le Regioni, ciascuna per il territorio di rispettiva competenza, inseriscano e validino, attraverso la compilazione di una apposita scheda, le richieste di finanziamento nel sistema citato. Le suddette richieste, saranno valutate secondo le procedure, le modalità ed i criteri fissati dal D.P.C.M. 28 maggio 2015, che si pubblica unitamente alla presente. In tal modo sarà garantita, ai sensi della legge 241 del 1990, la necessaria trasparenza nella programmazione delle risorse finanziarie rese disponibili e la migliore efficacia nell’utilizzo di tali risorse rispetto agli obiettivi di protezione dell’incolumità di persone e beni esposti a rischio idrogeologico.
Pertanto, le istanze di finanziamento di interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico che pervengano al Ministero dell'Ambiente al di fuori del procedimento indicato, non potranno essere valutate ai fini della loro ammissibilità ad un eventuale finanziamento.

14/04/2015
E' disponibile on-line, in formato .pdf, la pubblicazione “Manutenzione e presidio del territorio montano contro il dissesto idrogeologico” , redatta a cura della P.F. Difesa del Suolo e Autorità di Bacino.
Il volume documenta attraverso schede e immagini le buone pratiche di gestione ordinaria del territorio, un modello all’avanguardia sul piano della prevenzione del dissesto idrogeologico e della difesa e valorizzazione delle aree montane.

29/07/2014 Il Comitato Istituzionale ha deliberato l'avvio del procedimento di aggiornamento del PAI.
Documenti: delibera n. 64 - allegato
04/04/2014 Link alla sezione L.R. 22/2011 - Verifica Compatibilità Idraulica (VCI) e Verifica Invarianza Idraulica (VII)

L'Autorità di Bacino Regionale delle Marche
persegue le finalità di assicurare
la difesa del suolo
il risanamento delle acque
la fruizione e la gestione del patrimonio idrico per gli usi di razionale sviluppo economico, sociale
la tutela degli aspetti ambientali connessi
P.A.I.
Il Piano stralcio di bacino per l'Assetto Idrogeologico
individua le aree a differente livello di pericolosità e rischio idrogeologico
disciplina gli usi del suolo consentiti in tali aree e fornisce direttive per l’intero territorio dei bacini di interesse regionale ai fini della mitigazione delle condizioni di rischio
quantifica il fabbisogno finanziario di massima per la mitigazione delle condizioni di rischio e stabilisce i criteri per la definizione delle priorità dei programmi di intervento


La salvaguardia della costa
la Boa nella Rete Ondometrica Nazionale (R.O.N.)
gli studi, le indagini e i modelli matematici finalizzati alla redazione del piano della costa
il piano di gestione integrata delle aree costiere nelle Marche

L'Autorità di Bacino Regionale delle Marche:
- partecipa al Progetto "SCC-PCN (CED Federati)" promosso dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
- ha partecipato al Gemellaggio con la Regione Puglia - AGIRE POR
- ha partecipato al progetto LIFE - RESPONSE