Prima Pagina
Amministrazione Trasparente
P.A.I.
Direttiva Alluvioni
Piano Straordinario PS2006
Cartografia on-line CED Federati
Area riservata ai Comuni
Monitoraggio Interventi Difesa del Suolo
L.R. 22/2011 - Compatibilità e Invarianza Idraulica
La salvaguardia della costa
Boa R.O.N.
Studi e indagini
Piano di Gestione Integrata delle Aree Costiere - APPROVATO
Tutela delle Acque - Risorse Idriche
Bacini Idrografici
Organi
Segreteria Tecnico-Operativa
Normative
Gestione Prelievi Idrici
News
Gemellaggio
 

REGIONE MARCHE
Dipartimento Territorio e Ambiente

Servizio Progettazione OO.PP.
V.I.A.
Gestione Integrata delle Aree Costiere

 


REGIONE MARCHE

La Giunta Regionale con la Del. n.1694 del 30.06.1997, ha:

·      Approvato il “Programma biennale di ricerche, studi integrativi e di completamento della fase conoscitiva dell’ambiente fisico costiero marchigiano” per L. 2.000 MILIONI,

·      Dato mandato al Dirigente del Servizio LL.PP. di provvedere all’organizzazione delle procedure necessarie per l’attuazione del suddetto programma, attraverso le disponibilità del bilancio di previsione delle spese per il 1997.

Le attività propedeutiche alla redazione del Piano di Gestione Integrata delle Aree Costiere che il Servizio Progettazione ha realizzato, sono sinteticamente rappresentate in tre punti:

1.    Sistema di acquisizione dati sul moto ondoso attraverso la boa ondametrica direzionale. La boa permette la registrazione dell’altezza d’onda significativa, il relativo periodo, la direzione di provenienza e la temperatura superficiale dell’acqua, oltre a tanti altri dati che permettono la ricostruzione del moto ondoso al largo; gli stessi sono immessi nella R.O.N. (Rete Ondametrica Nazionale), con gestione diretta dell’APAT (già Servizio Idrografico e Mareografico Nazionale) della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il costo di gestione è totalmente a carico del Servizio Nazionale. Le informazioni di cui sopra, come quelle relative alle  altre boe poste al largo delle coste italiane, sono visibili nella sezione “Boa R.O.N.”.

2.    Rilievi topografici relativi alla linea della costa e analisi sedimentologiche lungo tutto il litorale marchigiano; sono anche iniziati i rilievi batimetrici eseguiti direttamente da personale regionale lungo alcuni tratti significativi della costa; se ne prevede il proseguimento.

3.    Convenzione con l’Università degli Studi di Ancona per l’elaborazione dei dati di base forniti dalla Regione Marche e finalizzati a "Studi indagini, modelli matematici finalizzati alla redazione del piano di difesa della costa ed agli studi propedeutici all'analisi dell'impatto ambientale delle opere di difesa del litorale marchigiano". Questi ultimi sono integralmente visualizzabili in rete.

Con Delibera di Giunta Regionale n.1833 del 31.07.2001 è stato costituito un Gruppo di lavoro finalizzato alla redazione del Piano di Gestione Integrata delle Aree Costiere; le attività sono state seguite dai Servizi regionali:

-     Segretario Generale dell’Autorità di Bacino regionale o suo delegato;

-     Dirigente del Servizio Tutela e Risanamento Ambientale o suo delegato;

-     Dirigente del Servizio Trasporti o suo delegato;

-     Dirigente del Servizio Lavori Pubblici o suo delegato;

-     Dirigente del Servizio Turismo o suo delegato;

-     Dirigente dello Staff Piani e Programmi istituito presso la segreteria tecnico-operativa dell’Autorità di Bacino Regionale o suo delegato;

come invitati permanenti i rappresentati nominati da:

-     Agenzia regionale per la protezione ambientale delle Marche (ARPAM);

-     Amministrazioni provinciali di Pesaro e Urbino, Ancona, Macerata ed Ascoli Piceno;

-     Amministrazioni comunali della fascia costiera della Regione Marche;

-     Ferrovie dello Stato.

Hanno inoltre partecipato alla redazione del Piano il Servizio Urbanistica, il Servizio Agricoltura con l’Ufficio Pesca, le tre Capitanerie di Porto della Regione Marche, il Parco del San Bartolo ed il Parco del Monte Conero.

Per la caratterizzazione ambientale del Piano la Regione Marche ha stipulato una convenzione con l’Arpam in data 10.12.2002 per l’acquisizione di servizi inerenti:

1.        Balneabilità,

2.        Qualità dei Sedimenti,

3.        Biocenosi.

I rapporti conclusivi sono anch’essi stati pubblicati in rete nella sezione dedicata.

A seguito della fase di concertazione con tutti i portatori di interesse pubblici e privati, è stato redatto il Piano in forma PROVVISORIA, lo stesso è stato inviato a tutti i Comuni costieri, al Presidente del Parco del San Bartolo e del Parco del Monte Conero in formato cartaceo il 16.05.2003.

Con l’approvazione della Legge Regionale n.15 del 14.07.2004 a titolo “Disciplina delle funzioni in materia di difesa della costa”:

 

La Regione, nell’esercizio delle competenze di cui all’articolo 51 della legge regionale 17 maggio 1999, n. 10 e all’articolo 14 della legge regionale 25 maggio 1999 n. 13, adotta il Piano di gestione integrata delle aree costiere, di seguito denominato Piano, al fine di promuovere la tutela e la razionale utilizzazione della zona costiera e delle sue risorse.

 

Secondo quanto stabilito dalle norme regionali (L.R. 46/92, L.R. 15/04) il Piano è stato ADOTTATO dalla Giunta Regionale con la Delibera n. 1013 del 07.09.2004 per le successive fasi di consultazione e osservazione.

Lo stesso atto ha inoltre stabilito in 60 gg., dalla data di pubblicazione sul B.U.R. (23.09.2004), il termine per la trasmissione delle osservazioni al Piano da parte di soggetti pubblici e privati (23.11.2004).

Tutti i Comuni costieri hanno ricevuto una copia del Piano su supporto informatico per la consultazione e presso la Segreteria del Servizio “Progettazione OO. PP., V.I.A., e Gestione Integrata delle Aree Costiere” è stata depositata in visione una copia della documentazione cartacea negli orari di ufficio.

Successivamente il Piano è stato ADOTTATO DEFINITIVAMENTE dalla Giunta Regionale con la Delibera n. 1621 del 21.12.2004 e trasmesso al Consiglio Regionale per la sua approvazione, così come previsto dalla L.R. 15/2004.

Attraverso quest’ultimo atto amministrativo il Piano così modificato ha recepito e in buona parte accolto le osservazioni degli Enti Locali e dei portatori di interesse.

La delibera di cui sopra, comprensiva degli allegati A1, A2, A3 e C, è stata trasmessa a tutti ai 23 Comuni litoranei assieme ad un CD contenente gli allegati B1, B2, B3 e B4.

Con la Delibera Amministrativa di Consiglio Regionale n.169 del 02.02.2005 è stato approvato il PIANO DI GESTIONE INTEGRATA DELLE AREE COSTIERE costituito dai seguenti elaborati:

a)       Relazione generale;

b)       Norme tecniche di attuazione;

c)        Relazione economico-finanziaria;

d)       Elaborati tecnici.

Questi ultimi, assieme all’atto amministrativo, sono visibili nella sezione “Il Piano di Gestione Integrata delle Aree Costiere APPROVATO”.

Il Piano è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Marche n.21 del 25.02.2005.